Cybercrimes

Marchi d'impresa

Domain Names

Rassegna Stampa

Contributi Multimediali

Note Esplicative e Suggerimenti per la Ricerca

^Gli italiani e il furto d'identità. Una radiografia sconsolante^

(tratto da http://www.lastampa.it) Scritto da Federico Guerrini - 19 gennaio 2011


IUS&WEB | Portale di informazione giuridicamercoledì 19 gennaio 2011

Per visualizzare l'articolo, cliccare sul link sottostante:
Gli italiani e il furto d'identità. Una radiografia sconsolante

Breve nota a cura dell'avv. Dario Galliani

L'articolo evidenzia l'uso mediamente poco consapevole delle nuove tecnologie nel nostro Paese, con particolare riferimento all'immissione in rete di dati personali, nonché alla cura delle credenziali di accesso ai moderni sistemi di pagamento (home banking).

Ciò che determina, da un lato, la possibilità da parte delle aziende di effettuare una dettagliata profilazione degli utenti con consegunete invio ai medesimi di e-mail commerciali non richieste e/o indesiderate (spamming), dall'altro, l'appropriazione di somme di denaro da parte dei c.d. ^phisher^, mediante l'apprensione fraudolenta delle credenziali di accesso ai sistemi di pagamento di soggetti molto spesso colpevolmente concorrenti con l'autore del reato.

Su quest'ultimo punto, il Legislatore italiano, con Decreto Legislativo n. 11/10, in attuazione di una direttiva europea (2007/64/CE), ha approntato alcune tutele in favore dei consumatori e delle microimprese (imprese con meno di 10 occupati e un totale di bilancio non superiore a 2 milioni di euro) nei casi di operazioni di pagamento non autorizzate dai predetti soggetti, gravando gli istituti di credito dell'onere probatorio di dimostrare la sicurezza dei loro sistemi di autenticazione (essendo il citato Decreto entrato in vigore da meno di un anno, si attende di conoscere l'orientamento della giurisprudenza in proposito).

Senza contare il furto d'identità vero e proprio, reato previsto e punito dall'articolo 494 c.p., il cui fine è il procurare a sè un vantaggio o recare ad altri danno, mediante illegittima sostituzione della propria all'altrui persona (es. diffamazione in rete utilizando l'identità rubata).

Il rischio della scarsa conoscenza da parte di una larga fetta della popolazione dei potenziali effetti dei propri comportamenti in rete (quasi che il web fosse uno spazio al di fuori della realtà quotidiana), unito al progressivo aumento dei reati legati all'utilizzo delle nuove tecnologie, rischia di disincentivare l'utilizzo di strumenti, quali l'e-commerce (già peraltro sottoutilizzato nel nostro Paese rispetto ad altre realtà europee), che rappresentano un mezzo indispensabile alle PMI per affrontare le sfide del mercato globalizzato, con tutti gli ovvi riflessi negativi sul nostro sistema economico.

FAMIGLIE: Cybercrimes, 2000-2050, Rassegna stampa italiana

Condividi su Facebook
Inserisci il tuo indirizzo email per
ricevere la Newsletter di Ius&Web
CATEGORIE
IUS&WEB | Portale di informazione giuridica

Anno di Pubblicazione

IUS&WEB | Portale di informazione giuridica

Contributi multimediali

ARTICOLI RECENTI
Homepage|Cybercrimes|Marchi d'Impresa|Domain Names|Rassegna Stampa|Contributi Multimediali|Chi Siamo|Note Esplicative|Note Legali
Valid HTML 4.01 Strict Valid CSS
In property of: Avv. Dario Galliani | All Rights Reserved by IUS&WEB
Sito segnalato all'Ordine degli Avvocati di Como così come previsto dal Codice Deontologico Forense
912