Cybercrimes

Marchi d'impresa

Domain Names

Rassegna Stampa

Contributi Multimediali

Note Esplicative e Suggerimenti per la Ricerca

Tribunale I grado CE, sez. VIII, 6 ottobre 2011

(traduzione tratta da http://curia.europa.eu) Richiesta di registrazione di un marchio comunitario costituito da un segno tridimensionale - Impedimento assoluto alla registrazione ex art. 7, n. 1, lett. e , sub iii) stante la forma che dà un valore sostanziale al prodotto - Ratio della norma è evitare che il marchio possa servire per tutelare altri diritti di privativa che il Legislatore ha assoggettato a termini di decadenza


IUS&WEB | Portale di informazione giuridicasabato 22 ottobre 2011

Nota a cura dell'avv. Dario Galliani

La sentenza in commento offre lo spunto per alcune riflessioni circa l'utilizzo della registrazione di un marchio tridimensionale di forma (nel caso di specie rappresentata dal corpo di un altoparlante, costituito da un cono simile ad una matita o ad una canna d'organo, la cui parte appuntita poggia su una base quadrata, e da un lungo pannello rettangolare che è fissato ad un solo lato di tale cono) come modalità di tutela, pressoché perpetua, della privativa rispetto ad altre fome di tutele ^a tempo^ (come i disegni o modelli).

Nel caso che ci impegna la nota società Bang & Olufsen A/S ha richiesto la registrazione del marchio sopra descritto, dapprima respinta dall'esaminatore e dalla I° commissione di ricorso dell'UAMI giacché privo di carattere distintivo, ex art. 7, comma I , lett. b) del Reg. 09/207/CE.

Il Tribunale riconoscendo, per contro, la particolarità dell'aspetto e del risultato estetico complessivo ha ritenuto che il marchio in esame "è di natura tale da catturare l'attenzione del pubblico interessato, permettendo a quest'ultimo di distinguere i prodotti indicati nella domanda di registrazione da quelli aventi una diversa origine commerciale".

Riassegnata la causa dal Presidium delle commissioni di ricorso dell'UAMI, la I° commissione di ricorso dell'UAMI ha comunque respinto la richiesta di registrazione ritenendo che il segno in questione fosse costituito esclusivamente dalla forma che dà un valore sostanziale al prodotto, ai sensi dell'art. 7, n. 1, lett. e), sub iii), del Reg. n. 09/207/CE.

In sostanza la commissione di ricorso, ritenendosi competente a riesaminare la domanda di registrazione del marchio sotto altro punto di vista, ha riconosciuto un ulteriore impedimento assoluto alla registrazione, diverso da quello precedentemente evidenziato.

Contrariamente a quanto sostenuto dalla società Bang & Olufsen A/S, secondo cui tale ulteriore impedimento sarebbe dovuto essere preso in considerazione sin dall'inizio, il Tribunale ha statuito che, non essendo normativamente previsto un particolare ordine nell'esame degli impedimenti contenuti nell'art. 7 del Reg. 09/207/CE, la commissione di ricorso non è incorsa in alcun errore giacchè "ritenendo che potesse sussistere il rischio che la domanda di registrazione del marchio presentata dalla ricorrente rientrasse nell'ambito di applicazione di un altro impedimento assoluto alla registrazione tra quelli elencati all'art. 7, n. 1, del regolamento n. 40/94, la commissione di ricorso ha correttamente proceduto a un riesame di tale domanda".



FAMIGLIE: Marchi d'impresa, Giurisprudenza Europea, 2000-2050

Condividi su Facebook
Tribunale I grado CE, sez. VIII, 6 ottobre 2011
ARTICOLI CORRELATI
IUS&WEB | Portale di informazione giuridicaCorte Costituzionale, 9 luglio 2009, n. 206
Giudizio di illegittimità costituzionale dell'art. 2, comma 2-bis, del D.L. 30.1.99 n. 15 promosso dal Cosiglio di Stato in relazione agli articoli 3, 41 e 42 della Costituzione - Fondatezza della questione
IUS&WEB | Portale di informazione giuridicaDecreto Ministero della Giustizia, 21 febbraio 2011, n. 44
(tratto da http://www.giustizia.it) Pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 18 aprile 2011 n. 89, in vigore dal 18 maggio 2011
IUS&WEB | Portale di informazione giuridicaTribunale I grado CE, sez. VI ampliata, 17 marzo 2010
(traduzione tratta dal sito http://curia.europa.eu/) Marchio comunitario - Opposizione alla domanda di registrazione di marchio comunitario figurativo sulla base di marchi registrati anteriori - Diversità dei prodotti designati dai marchi - Insussitenza rischio confusorio - Marchio notorio - Rischio di diluizione per diminuzione del carattere distintivo dei marchi anteriori - Violazione dell'art. art. 76, n. 1, del regolamento (CE) n. 207/2009 per mancato esame di una richiesta della ricorrente
IUS&WEB | Portale di informazione giuridicaCorte di Giustizia CE, sez. IV, 3 giugno 2010
(traduzione tratta dal sito http://curia.europa.eu/) Reg. n. 40/94 – Art. 13, n. 1 – Dir. 89/104/CEE – Art. 7, n. 1 - Esaurimento dei diritti del titolare del marchio - Flaconi di prufumo c.d. ^tester^ messi dal titolare del marchio nella disponibilità di un suo depositario - Nozione di immissione in commercio dei prodotti in relazione all'esaurimento dei diritti di privativa - Assenza del consenso del titolare del marchio stante le menzioni ^campione^ e ^vendita vietata^ apposte sui ^tester^
IUS&WEB | Portale di informazione giuridicaBanca d'Italia - Eurosistema - 31 marzo 2010
(tratto da http://www.arbitrobancariofinanziario.it) Sintesi dell'attività svolta dall'Arbitrato Bancario Finanziario (ABF) al 31 marzo 2010
Inserisci il tuo indirizzo email per
ricevere la Newsletter di Ius&Web
CATEGORIE
IUS&WEB | Portale di informazione giuridica

Anno di Pubblicazione

IUS&WEB | Portale di informazione giuridica

Contributi multimediali

ARTICOLI RECENTI
Homepage|Cybercrimes|Marchi d'Impresa|Domain Names|Rassegna Stampa|Contributi Multimediali|Chi Siamo|Note Esplicative|Note Legali
Valid HTML 4.01 Strict Valid CSS
In property of: Avv. Dario Galliani | All Rights Reserved by IUS&WEB
Sito segnalato all'Ordine degli Avvocati di Como così come previsto dal Codice Deontologico Forense
1072